AREA STAMPA

AREA STAMPA

COMUNICATO STAMPA - BRUXELLES, 12 LUGLIO 2017 - "Il linguaggio di Di Maio richiama un po' il fascismo, quando parla di 'alto tradimento' per l'operazione Triton". Così la capodelegazione del Pd al Parlamento europeo Patrizia Toia, parlando con i giornalisti. "Triton non è stata un errore - ha detto - ma rispetto a tre anni fa sono cambiate le condizioni e quindi adesso è giusto chiedere di cambiarla". "Fare sparate - ha proseguito - magari porterà qualche titolo di giornale ma non cambierà le cose". Toia ha quindi difeso "l'azione quotidiana di pressione e sensibilizzazione che stiamo portando avanti qua a Bruxelles e al Parlamento europeo.L'Italia otterrà risultati perché ha dimostrato di essere un Paese serio".
  • Visite: 109
COMUNICATO STAMPA - STRASBURGO, 5 LUGLIO 2017 “Questa mattina ho partecipato come sempre, dopo qualche minuto di avvio, alla riunione della plenaria con la presidenza maltese e sono anche intervenuta in quanto capodelegazione degli eurodeputati Pd commentando le parole della presidenza. Quanto alla polemica sulle poche presenze, pur riconoscendo che l’aula deserta nei primi minuti dell’incontro dia una brutta immagine dell’istituzione, solo chi non conosce il regolamento e il metodo di lavoro del Parlamento europeo può pensare che gli eurodeputati non presenti fossero a spasso. Nei quattro giorni di sessione plenaria ci sono molti riunioni parallele a cui io e i miei colleghi della delegazione Pd partecipiamo regolarmente per portare avanti i lavori delle commissioni parlamentari e per preparare i voti che andranno in plenaria”. Lo ha puntualizzato la capodelegazione degli eurodeputati Pd, Patrizia Toia.

  • Visite: 84

In vista delle tornate elettorali del 2017 molti analisti avevano paventato il rischio dell'affermarsi di movimenti euroscettici in tutta Europa. Ma dai primi voti in Francia e Gran Bretagna il rischio sembra essere stato sovrastimato. Emmanuel Macron ha sonoramente battuto Marine Le Pen nella corsa all'Eliseo e per il rinnovo dell'Assemblea nazionale. Mentre a Londra Theresa May ha rischiato la debacle, mentre gli euroscettici dell'Ukip sono scomparsi. "Con Macron all'Eliseo c'é più speranza di cambiare il destino dell'Europa che negli ultimi anni era sovrastato da una nuvola nera", spiega ad Affaritaliani.it Patrizia Toia, eurodeputata e capodelegazione del Pd a Strasburgo. "Macron ha vinto le elezioni all'insegna di un programma orgogliosamente europeista. Certo é stato critico su molte storture dell'Unione, che devono essere eliminate, ma il suo é un approccio propositivo e speranzoso". 

VAI ALL'INTERVISTA PUBBLICATA SU AFFARI ITALIANI

  • Visite: 152

Caro direttore, da domani mattina nessuno si ricorderà più che il roaming e mai esistito e nessuno si ricorderà delle persone, che come noi eurodeputati, hanno lottato per più di dieci anni contro l'ostinazione delle compagnie telefoniche e di alcuni governi. Personalmente ho negoziato con il Consiglio e la Commissione, in quanto relatrice del Gruppo S&D, e solo all'alba del 30 giugno 2015, abbiamo raggiunto l'accordo finale dopo 12 ore di discussioni, ho capito che avevamo vinto. Non vi stupirete neanche quando un giorno qualcuno vi dirà che "ha fatto più vodafone (o Tim o Wind o chi volete voi" per l'Europa che non l'Europa stessa". Alcuni penseranno anche che è proprio vero! Il vantaggio delìUnione si percepisce quando si utilizza il cellulare in vacanza, non quando si sente parlare di summit, risoluzioni, procedure di infrazione. E' già successo.     

VAI AL COMMENTO PUBBLICATO SUL CORRIERE DELLA SERA DEL 14 GIUGNO 2017

  • Visite: 39

logo patrizia footer

Questo sito utilizza i cookie al fine di offrire ai propri visitatori una migliore esperienza di navigazione. Per ulteriori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire bloccarli o per cancellarli, si veda l'apposita informativa sui cookie. Proseguendo con la navigazione l'utente presterà il consenso all'uso del cookie. Privacy e Cookies