EBOOKS

EBOOKS

La partita dell’Europa si gioca suitemi socialie i fondi Ue sono il principale terreno di gioco. La scorsa primavera al Parlamento europeo abbiamo commissionato a Eurobarometro un sondaggio per chiedere ai cittadini europei quali fossero le aspettative nei confronti dell’Ue. Tra il 9 e il 18 aprile sono stati interpellati oltre 27 mila cittadini in 28 Stati membri e i risultati sono stati pubblicati a giugno, poco dopo il referendum inglese sulla Brexit. I dati non lasciano adito a dubbi. Il primo ambito in cui l’azione dell’Ue è percepita come insufficiente e nel quale si chiedono azioni più incisive da parte di Bruxelles è quello attinente alla crisi economica e alle sue conseguenze sociali. Il 69% degli intervistati ritiene che l’azione dell’Unione europea nella lotta alla disoccupazione sia insufficiente e il 77% vorrebbe che l’Ue intervenisse di più nella materia. 

VAI ALLA PUBBLICAZIONE

  • Visite: 900

Il costante aumento del costo delle bollette dell’elettricità rappresenta un problema per i consumatori e per le aziende in tutta Europa. Nel frattempo, quella che è l’enorme sfida di decarbonizzare il sistema energetico, si traduce in una maggiore pressione sui prezzi. Riuscire a trovare un modo efficacie per aiutare i cittadini ad individuare gli sprechi energetici mostrando loro in che modo possono mutare le proprie abitudinaria presenta una sfida politica e culturale,  oltrechè una strategia cruciale per il nostro modello di sviluppo. 

VAI ALLA PUBBLICAZIONE

  • Visite: 303

Le piccole e medie imprese in Europa rappresentano il 99% delle aziende, producendo il 58% del totale del valore aggiunto dell’Unione europea.Sono quindi un motore chiave per la crescita economica, l’innovazione, l’occupazione e l’integrazione sociale. L’Europa ha da tempo riconosciuto il ruolo chiave di questi soggetti e, attraverso l’attività della Commissione Europea, mira a migliorare il contesto delle attività per le PMI, per consentire loro di realizzare a pieno il proprio potenziale nell’economia globale di oggi. 

VAI ALLA PUBBLICAZIONE

  • Visite: 293

La legislatura europea (2009-2014) è stata attraversata dalla crisi più “dura” e difficile che l’Europa abbia conosciuto. La crisi finanziaria, economica, produttiva e sociale ha scosso le fondamenta della“casa europea”, ha rivelato le debolezze di un “progetto incompiuto” (l’unità monetaria senza l’unità politica) e ha mostrato, alla fine, un’ Europa senza gli strumenti e senza i “poteri” necessari a risolvere la crisi che ha rischiato di far “saltare l’euro” e di disgregare l’ intera Unione. Oggi dobbiamo affrontare con decisione la sfiducia dell’opinione pubblica verso l’Europa.

VAI ALLA PUBBLICAZIONE

  • Visite: 1815

logo patrizia footer

Questo sito utilizza i cookie al fine di offrire ai propri visitatori una migliore esperienza di navigazione. Per ulteriori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire bloccarli o per cancellarli, si veda l'apposita informativa sui cookie. Proseguendo con la navigazione l'utente presterà il consenso all'uso del cookie. Privacy e Cookies