Skip to main content

Enews

MIGRANTI E RIFUGIATI POLITICI

Nella risoluzione sulla situazione dei diritti fondamentali nell’UE approvata martedì, i deputati invitano gli Stati membri ad astenersi dall'istigare tra i loro cittadini paura e odio nei confronti dei migranti e dei richiedenti asilo per ottenere vantaggi politici. "L'Unione europea non deve affrontare solo i problemi sociali, giuridici ed economici. L'UE deve anche affrontare la questione dei diritti fondamentali e dare il buon esempio".

Prevenire l’incitamento all’odio e migliorare l'integrazione - I deputati deplorano i "crescenti livelli di incitamento all’odio da parte di determinati partiti politici, media e istituzioni" e si aspettano che l'UE sia da esempio nella lotta contro l'incitamento all'odio all'interno delle sue istituzioni. Migrazione: proteggere i bambini - Facendo riferimento a una relazione di Europol secondo la quale almeno 10.000 profughi non accompagnati e migranti bambini sono scomparsi nell'Unione europea nel 2015, i deputati invitano gli Stati membri a registrare e identificare i bambini, senza spaventarli, per evitare la loro scomparsa. Raccomandano inoltre di rafforzare gli strumenti esistenti per la tracciatura dei bambini scomparsi, come ad esempio le linee telefoniche europee, e chiedono agli Stati membri di incoraggiare a tenere unite le famiglie. Diritti LGBTI - Il Parlamento incoraggia la Commissione a instaurare un dialogo con gli Stati membri la cui legislazione non copre i reati legati all'odio omofobico, in modo da trovare un accordo per colmare le lacune legislative esistenti. Libertà di circolazione per i Rom - Ricordando che le persone appartenenti alla minoranza rom sono soggette in modo sproporzionato a sgomberi forzati in molti Stati membri, i deputati invitano i Paesi dell'UE a tutelare la libertà di circolazione dei Rom e a non pianificare politiche di insediamento sulla base di motivazioni etniche.

  • Visite: 2344