Skip to main content

Enews

PRIORITA' DELLA PRESIDENZA MALTESE

Dal 1° gennaio 2017 è iniziata la Presidenza Maltese del Consiglio dell’UE, il Presidente Muscat è intervenuto oggi 18 gennaio a Strasburgo per delineare i tratti distintivi del semestre appena iniziato. Gli obiettivi presentati sono concreti e le questioni affrontate sono molteplici; tra le più importanti: le migrazioni, il mercato unico, la sicurezza, l’inclusione sociale, la politica di vicinato e la politica a tutela dei mari e del patrimonio ittico.

Per quanto riguarda la questione delle migrazioni, la Presidenza garantisce che la questione rimarrà in cima all'agenda politica. I cittadini chiedono azioni e le Istituzioni europee sono chiamate a trattare questo tema con urgenza. Il rafforzamento e la razionalizzazione del sistema europeo comune di asilo sarà importante al fine di distribuire il carico di migrazione tra gli Stati membri in modo più equo. L’obiettivo è di raggiungere un accordo per la revisione del regolamento di Dublino, che delinea le responsabilità degli Stati membri per l'esame delle domande di asilo e si trasformerà l'Ufficio europeo per l'asilo in una agenzia europea a tutti gli effetti.

Malta impegnerà inoltre i suoi sforzi per sfruttare appieno il mercato unico e lo sviluppo del mercato unico digitale nonché completare il mercato interno dell'energia, processo che porterà benefici tangibili per le nostre economie, le nostre imprese e le nostre famiglie, eliminando gli ostacoli agli scambi e migliorando la protezione e l'accesso ai servizi per i consumatori. Nel dettaglio, si punta alla cancellazione definitiva del roaming in tutta Europa entro aprile 2017 e a garantire una maggiore attenzione della legislazione dell'UE nel fornire strumenti utili per le sfide affrontate dalle piccole e medie imprese (PMI), consentendo lo sviluppo di una più ampia gamma di fonti di finanziamento. Crescita e occupazione rimangono una priorità assoluta per tutti gli Stati membri e per l'UE nel suo complesso. L'estensione nel tempo e nella capacità finanziaria del Fondo europeo per gli investimenti strategici sarà un file prioritario durante la Presidenza Maltese per contribuire a mobilitare gli investimenti privati. Si rivedrà il pacchetto sull’efficienza energetica volta a ridurre il consumo di energia negli edifici residenziali e nell’industria. Infine, si lavorerà ad un accordo per fornire la connessione Wi-Fi gratuita in ogni città, villaggio, e città dell'Unione Europea.

A seguito degli orribili attacchi terroristici degli ultimi 12 mesi, i paesi dell’Unione, devono continuare a vigilare per garantire la sicurezza dei cittadini. Sullo sfondo di un panorama internazionale che è sempre più volatile, la Presidenza Maltese lavorerà per ottenere progressi concreti sulle proposte che riguardano le problematiche regionali e globali, nel rispetto dei valori che sono alla base l'esistenza stessa dell'Unione. La strada da percorrere prevede di proseguire l'azione per la lotta al terrorismo, portare avanti il programma contro le forme gravi di criminalità organizzata e contro i finanziamenti al terrorismo attraverso strumenti legislativi, tra i quali un accordo politico sulla quarta direttiva sul riciclaggio di denaro. È necessario raggiungere progressi significativi sulle iniziative in corso volte a migliorare la gestione delle frontiere esterne dell'Unione, compresa la creazione di un sistema UE per registrare l'ingresso e l'uscita dei cittadini di paesi terzi.

La politica sociale è stata indicata come prioritaria dalla presidenza maltese. Si deve lavorare nell’ottica di migliorare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Sarà necessario maggior impegno per realizzare progressi sulle questioni relative alla parità di genere tra cui la proposta di direttiva per il miglioramento dell'equilibrio di genere tra amministratori delle società quotate in borsa. La lotta alla violenza di genere continuerà ad essere una priorità assoluta, in particolare promuovendo la condivisione delle migliori pratiche e lo scambio di informazioni sulla legislazione, delle politiche e delle strategie esistenti, nonché i dati statistici e gli studi.

La sicurezza e la prosperità dell'Europa sono strettamente collegate alle relazioni con i paesi ai nostri confini. I paesi che si affacciano sul Mediterraneo meridionale si trovano ad affrontare serie sfide, tra le quali i conflitti armati, il terrorismo, l'instabilità politica e la radicalizzazione. Consapevoli dei potenziali effetti anche sui nostri territori, la Presidenza Maltese concentrerà l'impegno del Consiglio per la stabilizzazione dell’area del Mediterraneo.

Infine, la Presidenza intende dedicare maggiore impegno alla sostenibilità e allo sviluppo del settore marittimo, nell'ambito di una politica marittima integrata dell'UE, progetto che si inserisce pienamente tra le priorità legislative di uno stato-isola rivolto verso l'esterno nel Mediterraneo meridionale. Inoltre, il settore offre una gamma variegata di ricerca innovativa e attività commerciali che potrebbero essere sviluppate nel senso di un aumento delle opportunità di lavoro.

Nell’ambito della Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area (PRIMA), l'obiettivo generale è quello di rafforzare la cooperazione nella ricerca e nell’innovazione nel bacino del Mediterraneo, al fine di contribuire alle sfide di una produzione alimentare sostenibile e la fornitura di acqua in questa regione.

MALTAEU2017

  • Visite: 1712