Skip to main content

Enews

MAGGIORE TRASPARENZA PER LE SOCIETA' QUOTATE

Il Parlamento ha approvato martedì nuove misure per incoraggiare le grandi aziende europee a focalizzarsi sui risultati di lungo termine. Queste misure introducono il potere per gli azionisti di votare sulla politica di remunerazione dei direttori e faciliteranno l’identificazione degli azionisti da parte delle compagnie. Il relatore ha dichiarato che “l’accordo sulla direttiva per i diritti degli azionisti approvata oggi dalla plenaria del PE è molto positivo. Le misure concordate aiuteranno a spingere gli investimenti verso un approccio orientato a più lungo termine e assicureranno maggiore trasparenza per le società quotate e per gli investitori.”

APPROFONDISCI IL DOCUMENTO

  • Visite: 1505

LIBRO BIANCO SUL FUTURO DELL'EUROPA

Come sapete, il 25 marzo a Roma si celebreranno i 60 anni dell'Europa, cioè della firma dei Trattati di Roma del 1957 che hanno istituito la "Comunità europee", l'istituzione che, dopo l'evoluzione e lo sviluppo dei suoi confini e delle sue competenze, è diventata l'attualel'Unione Europea. E' questa l'occasione per chiederci che "futuro vogliamo per l'Unione Europea", domanda che riguarda tutti, le istituzioni, la politica, le associazioni e i cittadini. Infatti la risposta non verrà solo dalle istanze pubbliche ma dal sostegno dei popoli europei e dalla convinzione europeista delle persone.

APPROFONDISCI IL DOCUMENTO

  • Visite: 2428

LA REVISIONE DEL FISCAL COMPACT E' TRA LE PRIORITA' DEL PD

Come capogruppo del PD, ho insistito affinché venisse messa nero su bianco la richiesta di rivedere il Fiscal Compact in Parlamento. Questo provvedimento rappresenta una priorità per l’Italia: tutti i suoi limiti, emersi chiaramente con gli sforamenti del deficit di Francia, Spagna e Portogallo, dovranno essere presi in considerazione insieme alla comunicazione sulla flessibilità ottenuta dall'Italia nel 2015 e alle richieste per una “golden rule” sugli investimenti.

APPROFONDISCI IL DOCUMENTO

  • Visite: 1893

NUOVA LEGGE IN LOMBARDIA PER COMBATTERE IL BULLISMO

Con mia grande soddisfazione, finalmente la Lombardia può beneficiare di una legge per la prevenzione e il contrasto al bullismo e al cyber bullismo, grazie all’azione del Gruppo PD Lombardia e in particolare di Carlo Borghetti e Fabio Pizzul. Dopo un lungo percorso in Commissione Cultura e istruzione e qualche evitabile forzatura per l’approdo in Consiglio regionale, la legge si pone al fianco di coloro che già si impegnano per la prevenzione e il contrasto di questo fenomeno.

APPROFONDISCI IL DOCUMENTO

  • Visite: 1740